Gli interventi didattici ed educativi integrativi che l’Istituto pone in essere, durante l’anno scolastico, sono:

  • Corsi di recupero
  • Corsi di sostegno
  • Sportelli didattici

L’istituto “A. Volta” persegue l’obiettivo per tutti i suoi studenti del pieno successo formativo.

A tale scopo attiva interventi di sostegno e di recupero, secondo le modalità contemplate dal D.M. 80 del 3 Ottobre 2007 e dall’O.M. 92 del 5 Novembre 2007 (click per il download).
Tipologia degli interventi:

 

Attività di sostegno: sono finalizzate a prevenire l’insuccesso scolastico e vengono realizzate in ogni periodo dell’anno scolastico, su proposta dei singoli Consigli di Classe.
Attività di recupero
: sono realizzate nel periodo gennaio-aprile per gli studenti che riportano voti di insufficienza negli scrutini intermedi e nel periodo estivo per gli studenti per i quali i docenti deliberino di sospendere il giudizio di ammissione alla classe successiva in sede di scrutinio finale.
Sportelli didattici
: potranno essere attivati, assegnando ad uno o più docenti individuati dal Consiglio di Classe compiti di consulenza e assistenza agli alunni, nella promozione dello studio individuale.

Modalità organizzative:

Gli interventi di recupero sono attivati per quegli allievi che riportino insufficienze nello scrutinio intermedio e per quelli per i quali i Consigli di Classe deliberino di sospendere il giudizio di ammissione alla classe successiva, in sede di scrutinio finale. La scuola, per questi studenti, organizza attività mirate, avvisando di ciò le famiglie. Detti interventi vertono sul recupero dei contenuti minimi ritenuti indispensabili dai rispettivi gruppi disciplinari ai fini dell’ammissione alla classe successiva ed hanno una durata di norma non inferiore a 15 ore. Il Collegio dei Docenti può anche deliberare una “pausa didattica”, periodo durante il quale i docenti ripassano, consolidandole, le argomentazioni e teorie già spiegate nei mesi precedenti; in altre parole effettuano “attività di recupero”. Le ore che ciascun insegnante, dedica ad attività di recupero durante la pausa didattica, debbono essere conteggiate come se fossero “ore di corso di recupero”. Nell’anno scolastico in corso, le attività di recupero si svolgeranno nel periodo compreso tra i mesi di gennaio ed aprile; le verifiche finali di tale fase si effettueranno di norma dalla conclusione dei corsi, con modalità e calendarizzazioni deliberate dai Consigli di Classe interessati. Gli allievi tenuti alle attività di recupero, individuati dai rispettivi Consigli di Classe, saranno raggruppati in relazione al loro numero e alla tipologia delle carenze, per gruppi di classe o classi parallele. Al termine di ogni intervento si effettueranno prove di verifica scritte, scrittografiche e/o orali, volte ad accertare il superamento delle carenze riscontrate. I risultati di dette verifiche saranno  comunicati alle famiglie interessate. La certificazione degli esiti verrà operata su proposta dei docenti curricolari delle discipline oggetto di recupero. La partecipazione ai corsi è obbligatoria. Qualora i genitori o coloro che esercitano la relativa potestà non intendano avvalersi delle iniziative di recupero promosse dalla scuola devono comunicarlo alla scuola stessa, in forma scritta, entro tre giorni dall’avviso ricevuta. La mancata comunicazione sarà intesa come accettazione delle iniziative predisposte dall’Istituzione Scolastica. Resta comunque l’obbligo per lo studente di sottoporsi alle prove finali di verifica.

Le attività di recupero, predisposte per quegli studenti per i quali in sede di scrutinio intermedio il Consiglio di Classe abbia adottato il provvedimento di sospensione del giudizio, si attueranno secondo modalità e calendarizzazioni deliberate dal Collegio dei Docenti. La scuola, subito dopo le operazioni di scrutinio finale, comunicherà alle famiglie le decisioni assunte dal Consiglio di Classe, indicando le carenze rilevate dai docenti delle singole discipline e i voti proposti in sede di scrutinio, nella disciplina o nelle discipline in cui lo studente non abbia raggiunto la sufficienza. Le verifiche finali, in quest’ultima fase, saranno realizzate a conclusione dei corsi, dal Consiglio di Classe nella stessa composizione di quello che ha proceduto alle operazioni di scrutinio finale, in orario antimeridiano/pomeridiano e dovranno essere completate prima dell’inizio dell’anno scolastico successivo. Qualora richiesto dalla complessità organizzativa, tali operazioni potranno concludersi non oltre il 10 Settembre e comunque prima dell’inizio delle lezioni dell’anno scolastico successivo. I corsi di recupero saranno tenuti di norma dai docenti della materia e della classe che hanno dato la disponibilità. In caso di indisponibilità del docente della classe saranno tenuti da altro docente della disciplina, in servizio nell’istituto. Solo in casi eccezionali si ricorrerà a personale esterno, secondo le indicazioni contenute nell’art. 2, comma 12, dell’O.M. 82 del 5 Novembre 2007.